Chi colpisce

L’Osteoporosi è una malattia delle ossa molto frequente che può colpire specialmente dopo i 50 anni. Si tratta di una rarefazione del tessuto osseo, che interessa particolarmente le donne dopo la menopausa che, infatti, si ammalano da 3 a 4 volte più degli uomini.

Un graduale indebolimento delle ossa è normale dopo i 40 anni e fa parte del naturale invecchiamento. Quando le ossa, e soprattutto la colonna vertebrale, il polso e il collo del femore, diventano fragili e deboli, significa che il processo è degenerato in malattia: l’Osteoporosi. Le persone che soffrono di Osteoporosi sono soggette, più delle altre, al rischio di frattura: una caduta, un urto o anche un semplice movimento che non avrebbero conseguenza in una persona normale, possono causare fratture in un ammalato di Osteoporosi.